Adrano, botte da orbi tra un gruppo di ragazzi e quattro migranti ospitati in uno Sprar

Notte turbolenta ad Adrano dove è scoppiata una maxi rissa tra migranti e ragazzi del luogo che ha dato vita ad una caccia all’uomo che solo l’intervento massiccio delle forze dell’Ordine è riuscito a sedare. Lo scontro violento tra le due ‘fazioni’ è avvenuto in Via Vittorio Emanuele nei pressi della Villa Comunale, proprio mentre erano in corso i festeggiamenti per il Santo Patrono, Nicolò Politi.

La rissa, ha coinvolto circa 50 persone e sarebbe stata originata dalle attenzioni, poco gradite, riservate dagli immigrati ad alcune ragazzine presenti sul luogo. Probabilmente, le attenzioni morbose dei quattro ragazzi hanno mandato su tutte le furie i familiari della ragazzine, che per tutta risposta hanno inseguito i 4 migranti che sono andati a nascondersi all’interno della loro abitazione in Via Vittorio Emanuele.

Nel tentativo di acciuffarli, gli inseguitori hanno provato a sfondare la porta di ingresso mentre i migranti hanno provato a difendersi lanciando dal balcone mattonelle, bottiglie di vetro e suppellettili. Il bilancio degli scontri è stato di un ferito (un migrante che avrebbe riportato una frattura ad un braccio) e alcuni contusi. Negli scontri sarebbe stata danneggiata anche la vettura del titolare dello Sprar che accoglie i migranti. Provvidenziale, per evitare gli scontri degenerassero, l’intervento degli agenti di Polizia e dei Carabinieri. Sono in corso indagini per accertare la dinamica dei fatti e le responsabilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*