Ancora uno sfregio alla fontana di Sant’Agata, il sindaco: ‘Chi ha visto, collabori’

La Fontana di Sant’Agata è stata fatta nuovamente oggetto di atti di sfregio. Dopo gli escrementi che ne hanno deturpato la statua, la notte scorsa la fontana è stata colpita da picconate e colpi d’ascia. Un atto spregevole contro uno dei simboli religiosi più importanti del capoluogo etneo.

Il Comune ha subito avviato i lavori per il restauro, ma resta ancora forte l’indignazione collettiva per questo nuovo atto vile che prende di mira la Santa protettrice di Catania.
‘Dobbiamo essere uniti – ha commentato il sindaco Enzo Bianco – nel condannare questo ennesimo atto spregevole contro la fontana con il bassorilievo di Sant’Agata. Lo restaureremo in tempi brevi’.

Fu il vicerè Lanario il promotore della realizzazione di questa prestigiosa fontana nel ‘500, che simboleggia il legame indissolubile tra la Santa protettrice e la sua città. ‘Non capisco – ha proseguito Bianco nella sua reprimenda contro l’atto di vandalismo – a chi possa venire in mente di perpetrare questi oltraggi. Chiedo ai cittadini catanesi di riferire alle forze dell’Ordine quanto accaduto per aiutare le indagini’.

Il primo passo per evitare che questo scempio contro la città possa ancora ripetersi, sarà quello di installare un sistema di videosorveglianza.

METTI ‘MI PIACE’ SULLA PAGINA FACEBOOK DI CATANIA NOTIZIE PER RICEVERE LE NEWS IN TEMPO REALE

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*