Andria-Catania 0-2, i rossazzurri soffrono ma poi colpiscono con Ripa e Mazzarani

Il Catania si conferma grande in trasferta vincendo una partita sofferta su una Fidelis Andria che era imbattuta da tre turni. Punti pesantissimi quelli ottenuti dai rossazzurri che rimangono in scia al Lecce vittorioso 3-1 sul Catanzaro. Dopo un primo tempo avaro di emozioni, con i padroni di casa più aggressivi e bravi a bloccare le fonti di gioco rossazzurre, gli uomini di Lucarelli si svegliano ad inizio ripresa passando in vantaggio grazie al colpo di testa di Ripa imbeccato dal nuovo acquisto Porcino.

Il Catania prova a narcotizzare la partita, rallentando i ritmi e facendo girare il più possibile il pallone, al 75′ triplo cambio per i padroni di casa, con Scaringella, Taurino e Lancini messi in campo da Papagni per dare freschezza e per cercare il pareggio, in casa Catania escono Ripa e Fornito, per dare spazio a Barisic e Mazzarani che chiude la pratica qualche minuto dopo sfruttando un ennesimo lancio di Porcino, che mette di fronte al portiere Mazzarani che di piatto destro, piazza la sfera sotto la traversa battendo inesorabilmente il portiere. Gara chiusa con il triplice fischio, che consegna al Catania tre punti fondamentali che consentono di proseguire la corsa sul Lecce.

Tabellino partita:

Fidelis Andria-Catania 0-2

Marcatori: 53′ Ripa, 78′ Mazzarani

Fidelis Andria 3-5-2: 22 Cilli; 14 Tiritiello, 25 Quinto, 19 Celli; 3 Lobosco (75′ Lancini), 17 Esposito, 11 Matera, 8 Piccinni, 20 Di Cosmo (66′ Longo); 9 Croce (75′ Scaringella), 10 Lattanzio (75′ Taurino). A disposizione: 1 Maurantonio, 12 Borraccino, 2 Tartaglia, 5 Colella, 7 Longo, 13 Scaringella, 16 Cappiello, 18 Ippedico, 24 Liguori, 26 Scalera, 28 Taurino, 23 Lancini.All. Papagni.

Catania 3-5-2: 12 Pisseri; 16 Blondett, 5 Tedeschi, 4 Aya; 21 Esposito, 27 Biagianti (61′ Rizzo), 10 Lodi, 18 Fornito (78′ Mazzarani), 8 Porcino; 11 Curiale, 29 Ripa (78′ Barisic). (22 Martinez, 26 Bogdan, 32 Mazzarani, 6 Rizzo, 13 Semenzato, 17 Bucolo, 9 Barisic, 14 Brodic, 19 Manneh, 23 Di Grazia). All. Lucarelli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*