Arrestato un giovane rapinatore catanese: vittima derubata e stuprata

La Squadra mobile di Catania ha provveduto all’arresto di un pregiudicato, il 28enne Sebastiano Balsamo, accusato di violenza sessuale, rapina e lesioni aggravate. La vittima dell’aggressione fisica e della rapina è una giovane donna catanese che avrebbe riportato traumi e lesioni che i sanitari hanno diagnosticato guaribili in 25 giorni. Il malvivente, già noto alla giustizia per aver commesso reati minori, si è introdotto nell’abitazione della vittima, arrampicandosi dall’esterno e accedendo all’abitazione della povera donna.

Dopo una colluttazione violenta tra i due, l’uomo ha tentato di abusare di lei e poi ha asportato dall’abitazione alcuni oggetti di valore. Il Balsamo è stato incastrato da alcune riprese acquisite mediante videocamere di sorveglianza che hanno consentito di ripercorrere tutte le fasi in cui il malvivente si è introdotto nell’abitazione della donna per poi fuggire dopo avere messo in atto il colpo.

Il bottino della rapina è stato un cellulare, un pc e due portafogli. Le indagini sono scattate nel primo mattino di domenica 4 giugno, dopo che la donna si era recata al pronto soccorso dell‘Ospedale Garibaldi per curare le lesioni subite nel corso della colluttazione. Sono stati gli stessi medici del nosocomio etneo ad allertare le forze dell’ordine.

Il sopralluogo effettuato dagli stessi, ha portato alla ricostruzione della dinamica dell’aggressione e all’accertamento della veridicità del racconto della vittima. E’ stato sequestrato un coltello a serramanico che il Balsamo avrebbe utilizzato per rompere la finestra. Gli agenti, dopo avere visionato i filmati, si sono posti alla ricerca dell’uomo che è stato poi rintracciato nei pressi di Piazza Università. Per lui sono scattate le manette e la custodia in carcere. Il Gip ha convalidato il fermo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*