Autobus stracolmo al ritorno dalla Plaia: picchiati due controllori

Ancora una volta i disservizi dell’Amt diventano pretesto per alcuni cittadini per inveire e aggredire i dipendenti dell’azienda municipale dei trasporti. A distanza di 10 giorni dalla vile aggressione di uno squilibrato ad un autista del Brt, ancora una volta dobbiamo dare conto di altri due onesti lavoratori finiti nel mirino della rabbia di alcuni utenti che non avrebbero preso bene la scarsa presenza di linee urbane sulla linea D (quella che collega Piazza Borsa ai Lidi Plaia).

Una coppia di controllori è stata picchiata selvaggiamente da un utente focoso, costringendo i due dipendenti ad essere accompagnati al Pronto Soccorso dell’Ospedale Garibaldi. La diagnosi è di contusioni al volto e alla schiena, anche se si dovrà attendere l’esito degli esami radiografici per valutarne l’entità e la prognosi. Gli utenti hanno lamentato la scarsa presenza di linee resa ancora più evidente dalla massa di persone che ieri, nel tentativo di far rientro a casa dopo l’acquazzone che si è abbattuto su Catania, hanno fatto ricorso all’uso dei mezzi pubblici stracolmi e non idonei ad accogliere tutti.

Un rientro in massa dei bagnanti che un solo mezzo non poteva di certo contenere. L‘Amt è finita nel mirino delle polemiche in questi giorni caldi, non solo per la scarsa presenza di mezzi in circolazione ma anche per i troppi guasti agli impianti di condizionamento. Numerosi i casi di utenti che accusano malesseri durante il trasporto, per la calca che si forma all’interno dei mezzi e il gran caldo di questi giorni. Disservizi su disservizi che stanno mettendo a dura prova i nervi dei cittadini catanesi che necessitano dei mezzi pubblici per spostarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*