Avanguardia denuncia il degrado delle spiagge libere: ‘Apertura frettolosa, mancano servizi’

E’ dura la denuncia contro l’operato dell’amministrazione comunale per quanto concerne l’apertura giudicata ‘frettolosa’ delle tre spiagge libere della Playa che versano ancora una condizione pietosa, da parte dell’associazione ‘Avanguardia‘.

Erio Buceti, il presidente dell’associazione ha stigmatizzato gli interventi tardivi della giunta Bianco e l’inaugurazione dell’apertura delle spiagge libere nonostante sussistano ancora disservizi evidenti: ‘Stamattina – ha dichiarato Buceti – la situazione era evidente a tutti, meno che a Palazzo degli Elefanti che ha pensato bene di posizionare qui il personale della Sostare, per vigilare sul parcheggio a pagamento, ma non gli operai addetti alla pulizia e al recupero delle strutture in cemento, dei bagni e degli spogliatoi completamente vandalizzati. L’esempio più evidente di come non si possa lasciare le tre spiagge libere di Catania nelle mani dei teppisti per poi provare un frettoloso recupero a metà giugno. Il risultato? Transenne, murales, mancanza di docce e passerelle di legno che ancora stamattina dovevano essere istallate. Un pessimo biglietto da visita per tanti turisti e catanesi che si ritrovano a fare il bagno o prendere il sole senza servizi adeguati’.

Nell’intervista concessa al quotidiano ‘La Sicilia’, Buceti ha evidenziato ancora una volta come l’assenza dei controlli renda ancora più facile il lavoro dei vandali e dei professionisti del ‘parcheggio selvaggio’. Per questo il presidente di ‘Avanguardia’ ha chiesto a gran voce ‘un aumento della vigilanza in zona sia di giorno che soprattutto di notte quando, la quasi totale assenza di pubblica illuminazione, rende la strada pericolosa con le auto che sfrecciano a tutta velocità e rischiano di investire i pedoni che attraversano la strada’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*