Bisceglie Catania 1-1, Lo Monaco:’ Siamo arrabbiati per la direzione dell’arbitro’

Pareggio amaro per il Catania che si fa raggiungere nei minuti finali dal Bisceglie. I rossazzurri, dopo un match dalle mille emozioni, pareggiano 1-1 contro il Bisceglie. Vantaggio degli etnei al 56′ con Barisic su assist di Porcino, pareggio dei pugliesi al 91′ con Delvino che mette dentro di testa su azione di calcio di punizione. Con questo pareggio il Catania viene agganciato al secondo posto dal Trapani. Stasera il Lecce può scappare a +9, chiudendo definitivamente il capitolo promozione.

A fine gara intervistato Pietro Lo Monaco che ha detto: ‘Siamo arrabbiati per la direzione dell’arbitro che ha inciso sul match con le sue tantissime decisioni sbagliate. Abbiamo subito un rigore inesistente e poi non ha concesso due penalty solari. Si fa una fatica incredibile a non pensare male, l’ho detto al designatore della Can Pro Serie C, Danilo Giannoccaro che era in tribuna a Bisceglie. Mi auguro che abbia visto tutto e faccia le sue valutazioni,anche se i punti persi a noi non ce li restituisce più nessuno’. Lo Monaco conclude l’intervista aggiungendo:’ Il Catania ha dominato l’incontro e per colpa dell’arbitro non abbiamo vinto e questo ci fa girare le scatole, in questo momento c’è rabbia e amarezza, ma noi non molleremo.

BISCEGLIE (3-5-2) 1 Crispino; 24 Markic, 5 Petta, 6 Jurkic; 15 Delvino, 17 Montinaro, 19 Vrdoljak, 21 Risolo, 13 Giron; 9 Jovanovic, 7 D’Ursi. A disposizione: 12 Vassallo, 22 A. Alberga, 2 Colella, 4 Diallo, 23 Migliavacca, 8 Pirolo, 10 Toskic, 11 D’Ancora, 16 Prezioso, 14 Ayina, 25 Azzi. Allenatori: Mancini-G. Alberga.

CATANIA (3-5-2) 12 Pisseri; 15 Blondett, 5 Tedeschi, 26 Bogdan; 21 Esposito, 23 Di Grazia, 10 Lodi, 27 Biagianti, 8 Porcino; 11 Curiale, 29 Ripa. A disposizione: 22 Martinez, 13 Semenzato, 15 Marchese, 17 Bucolo, 32 Mazzarani, 6 Rizzo, 19 Manneh, 7 Russotto, 9 Barisic, 4 Aya, 24 Brodic. Allenatore: Lucarelli

ARBITRO: Valiente della sezione di Salerno

Reti: 11′ st Barisic, 46′ st Delvino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*