Botti di Capodanno, a Catania il minimo storico, soltanto quattro feriti per uso di petardi

Grazie alla prevenzione delle forze dell’ordine rispetto al recente passato, il Capodanno 2018 si è rivelato tranquillo in fatto di incidenti derivanti dall’uso di petardi o altro materiale esplosivo. Il bilancio conta solo 4 persone con ferite non gravi, agli arti e in alcuni casi al viso, tra Catania e provincia. Alle cure dei sanitari hanno dovuto fare ricorso due giovani che, in circostanze distinte, poco prima della mezzanotte si erano recati agli ospedali Maria Santissima Addolorata di Biancavilla e Santissimo Salvatore di Paternò, che presentavano ferite alle mani ed occhi.

Quindici giorni di prognosi invece, per un 30enne che si è presentato al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele per una ferita alla mano causata dallo scoppio di un grosso petardo. Un altro ferito è stato medicato e dimesso dal Garibaldi di Piazza Santa Maria del Gesù per l’identico motivo. Non sono mancati casi, in cui i botti hanno provocato danni a strutture e cose. Come per esempio il caso di via Garibaldi di Biancavilla, dove nel tardo pomeriggio di ieri è stato lanciato un petardo nei pressi della vetrata di una abitazione, mandandola in frantumi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*