Calcio Catania, Lo Monaco ammette: ‘Campionato di vertice ? Abbiamo poche entrate’

Questa che è appena iniziata sarà una settimana chiave per la scelta del nuovo allenatore del Calcio Catania. Pietro Lo Monaco in teoria sta ancora sfogliando la margherita ma in realtà ha già scelto Cristiano Lucarelli come futuro tecnico rossazzurro in attesa che lo stesso risolva i suoi problemi con il Messina. In una intervista concessa al sito Itasportpress, l’amministratore delegato del sodalizio etneo non si è voluto sbilanciare sul futuro allenatore anche se ha ammesso che la trattativa è ormai alle battute conclusive. Il mese di giugno sarà fondamentale anche per il discorso relativo all’iscrizione al campionato che non dovrebbe comunque prevedere ostacoli di sorta.

‘Prima di pensare a operazioni di mercato in entrata – ha dichiarato Lo Monaco a Itasportpress – abbiamo uno scoglio importante da superare che è quello dei conti. Entro il 26 giugno ci sono alcune scadenze che vanno onorate. Stipendi, fideiussione e iscrizione al campionato. E non solo. Ci sono anche debiti accumulati con tutte le consociate Fifa che ci fanno tremare. Tutti sono stati rateizzati e ci resta da sistemare quello più importante con lo Sporting. Speriamo di ritrovare l’intesa dopo che è saltato un precedente accordo che avevo trovato con il loro amministratore delegato. Il club di Lisbona è una polisportiva e il Consiglio direttivo avendo ricevuto dalla Fifa una multa da 2 milioni di euro, ha bocciato la mia proposta ed ha preteso che pagassimo il milione e quattrocentomila euro subito. Adesso spero che ci concederanno la rateizzazione di 100 mila euro al mese, viceversa saremmo costretti entro il 26 giugno a pagare tutto cash. Sarebbe un bel guaio’.

Pochi soldi nelle casse del Calcio Catania per puntare ad un campionato di vertice: ‘Ci vorranno almeno 5 milioni di euro e noi possiamo contare solo su poche entrate. Ho lasciato un impero e quando sono tornato ho trovato solo macerie. Ma adesso le cose vanno meglio e siamo con la testa fuori. Dopo tanti anni di attività nel mondo del calcio, se dovessi riportare il club etneo dove l’ho lasciato, sarebbe come aver fatto un vero miracolo’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*