Capodanno, la Guardia di Finanza sequestra 400mila articoli pirotecnici

Sono circa 400mila i fuochi pirotecnici sequestrati dalla Guardia di Finanza, trovati conservati senza il rispetto dei requisiti di legge. A tanto ammonta l’ultimo sequestro delle fiamme Gialle di Catania, che setacciano la città per verificare la regolare detenzione dei famigerati botti di fine anno, come fontane luminose e fuochi d’artificio. Durante un controllo di due depositi di aziende specializzate nella vendita all’ingrosso di fuochi d’artificio, i militari hanno trovato nei territori di Misterbianco e San Giovanni La Punta, due tonnellate di prodotti, conservati senza le autorizzazioni di pubblica sicurezza non conformi alla legge.

Oltre al superamento dei limiti di quantità in un ambiente unico, i finanzieri hanno ravvisato la vicinanza degli articoli a materiale infiammabile. Al termine dell’attività di controllo delle due imprese con a capo un cinese e un italiano, i finanzieri hanno denunciato i due uomini alla procura di Catania con l’accusa di commercio abusivo e mancata denuncia di materiale esplosivo, reato, quest’ultimo, punito con un ammenda fino a 371 euro, più una pena che va da 3 a 12 mesi di reclusione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*