Carcere Piazza Lanza: detenuti in sciopero della fame per il sovraffollamento

Il carcere di Piazza Lanza a Catania, versa ormai in condizioni pietose a causa del sovraffollamento che rende pessima la qualità della vita dei detenuti che hanno deciso di scendere sul ‘piede di guerra’ per far valere i propri diritti.

Uno stato di degrado evidenziato anche da alcuni esponenti del Partito Radicale, in visita presso la struttura nel giorno di Ferragosto per un sopralluogo e per un incontro con i detenuti. Gli stessi esponenti del partito Radicale si sono fatti promotori del ‘Satyagraha’, lo sciopero della fame, al quale hanno aderito in massa gli stessi detenuti per sensibilizzare le istituzioni sul problema del sovraffollamento carcerario della struttura penitenziaria sita nel cuore di Catania.

Per tre giorni, dal 16 al 18 agosto, il vitto fornito ai detenuti verrà devoluto alla Caritas. Attualmente, il carcere di Piazza Lanza, ospita ben 350 detenuti, mentre la capienza regolamentare è di 253. Attualmente sono detenuti 331 uomini e 19 donne, mentre gli stranieri sono in tutto 84. Dei 350 detenuti, 274 sono ancora in attesa di giudizio. In evidenza anche la carenza di organico per quanto concerne la Polizia Penitenziaria con soli 234 agenti in servizio a fronte di una pianta organica che ne prevede 395.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*