Catania-Matera, tifosi perquisiti prima del match trovati con mazze e martelli

Archiviata la gara del Massimino Catania-Matera, terminata in pareggio per 1-1, fa notizia la perquisizione della polizia ai tifosi del Matera, trovati armati fino ai denti con bombe carta, mazze, martelli e fumogeni scovati durante i controlli. Per l’occasione 50 tifosi del Matera sono giunti a Catania con 2 pullman, tutti privi di tessera del tifoso ma autorizzati alla trasferta. Controllati dalle guardie non solo i tifosi, ma soprattutto i mezzi su cui viaggiavano, compresi i bagagli dove tale perquisizione ha consentito, di rinvenire un grosso quantitativo di materiale pericolosissimo.

Sono state trovate ben 52 bombe carta, 10 mazze di ferro, 4 mazze da baseball , martelli ed un tirapugni. Uno di loro portava con sè, 2 bombe carta a fontana, 7 fumogeni e tre bombe carte artigianali. La Digos ha proceduto all’arresto di uno dei tifosi del Matera P.M. ed altri 33 sono gli indagati ai sensi della legge 401/1989, normativa sulla violenza negli stadi. Il personale in servizio ha proceduto quindi al sequestro di tutto il materiale, arrestando immediatamente tutti accompagnandoli alla scientifica per le foto segnaletiche dove sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*