Catania, spacciava ai domiciliari: aggravata pena

indagata una coppia

Nei giorni scorsi, personale del Commissariato Librino ha dato esecuzione a un provvedimento a carico di P.P., catanese classe 1977, il quale, già sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, veniva fatto oggetto di aggravamento di misura, emesso dal Magistrato di Sorveglianza di Catania, che stabiliva il trasferimento presso la Casa di Lavoro di Barcellona Pozzo di Gotto (ME).

La misura si rendeva necessaria, poiché il P., sebbene sottoposto a libertà vigilata, nel luglio 2018, veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

L’uomo veniva, pertanto, accompagnato dal personale del Commissariato Librino presso la suddetta struttura per ivi permanere sottoposto alla misura di sicurezza, maggiormente afflittiva, dell’assegnazione ad una Casa di Lavoro, per una durata minima di sei mesi.

Fonte: Questura di Catania 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*