Catania, Violazione dell’orario: cinque ordinanze di chiusura di locali

catania

Sanzioni pesanti della Polizia Municipale per cinque locali del centro storico che nella notte tra sabato e domenica, hanno violato l’orario di chiusura che con ordinanza del Sindaco Salvo Pogliese è stato fissato alle ore 1,00. A ciascuno di essi  è stata applicata una multa di 400 euro e la sanzione accessoria della chiusura provvisoria dell’attività per 5 giorni.

I locali, due ubicati in via Teatro Massimo e due in via Landolina, erano stati trovati aperti e in pieno esercizio alle ore 2.30 della domenica mattina durante un giro di ricognizione della pattuglia notturna della Polizia Commerciale che – in considerazione dell’elevato numero di utenti presenti, molti dei quali seduti ai tavoli, e dei problemi di ordine pubblico che si sarebbero potuti verificare – ha evitato di intervenire nell’immediato e ha inoltrato ai superiori gerarchici una relazione di servizio per l’adozione dei successivi provvedimenti.

Per tale motivo, su disposizione del Comandante, sono stati redatti d’ufficio i verbali che sono stati notificati ai quattro esercenti lunedì pomeriggio, insieme all’ordine di chiusura immediata per 5 giorni, che è stato eseguito contestualmente dalla pattuglia annonaria. Sempre nelle prime ore del mattino di domenica la Polizia Municipale ha sanzionato con la chiusura anch’esso per 5 giorni un chiosco bar in piazza Pardo che, alle ore 4,10, è stato trovato ancora in attività in violazione della citata ordinanza sindacale oltre a prevedere la chiusura all’una del mattino, stabilisce la successiva apertura non prima delle ore 6.00.

Anche nei prossimi giorni, in linea alle direttive del sindaco Salvo Pogliese e dell’assessore Alessandro Porto, ulteriori serrati controlli verranno effettuati nel centro storico per garantire il rispetto delle regole ed evitare che comportamenti sconsiderati da parte degli esercenti e dell’utenza favoriscano una nuova diffusione dei contagi del virus COVID-19.

Fonte: Comune di Catania

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*