Catannia, Maggio dei Libri 2019: Record di adesioni e partecipazioni

libro aperto su un tavolo

Oltre 200 eventi, 26  iniziative rivolte ai bambini, 40 luoghi messi a disposizione gratuitamente da enti pubblici, librerie, associazioni culturali, più di 70 case editrici presenti, migliaia di partecipanti, 42mila visualizzazioni in un mese della pagina facebook dedicata. Sono i numeri del  Maggio dei Libri 2019,  promosso dal Centro per il libro e la lettura del Mibac e organizzato dal Comune di Catania con la Città Metropolitana, l’associazione dei librai e tante realtà pubbliche e private cittadine.

Un vero record  di adesioni e riscontri – hanno detto il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore alla Cultura Barbara Mirabella – che rappresenta la migliore risposta alla grande sinergia e al proficuo lavoro di collaborazione  messo in atto dall’Amministrazione comunale con enti pubblici e privati per promuovere il valore della lettura. La Cultura può e deve diventare il vero volano di sviluppo per la nostra terra”.
Dal 23 aprile al 31 maggio, tutti i giorni, l’intera città è stata teatro di incontri, mostre, reading, presentazioni, laboratori.

Tra i principali siti che hanno ospitato le iniziative c’è  il Palazzo della Cultura, che ha fatto da cornice a reading, conferenze ma anche a un’installazione con marionette danzanti realizzata dai bambini delle scuole. E ci sono il Lungomare Fest, che  ha proposto stand di librai ed editori, le biblioteche riunite civica e  Ursino Recupero, che hanno dedicato molteplici appuntamenti ai libri rari e di pregio anche con una mostra di preziosi manoscritti. Il Fai e l’Amt hanno organizzato visite alle opere cittadine di street art, accompagnate da reading di brani tratti da romanzi, saggi e poesie. L’Autobooks, la libreria comunale itinerante, si è spostato nei quartieri più decentrati per raggiungere i ragazzi  delle scuole con un programma di letture animate  e laboratori. Giovanissimi scrittori esordienti hanno avuto l’opportunità di mettere in vetrina le loro opere prime.

Circoli di lettura, associazioni culturali, varie organizzazioni hanno dato spontaneamente il loro contributo creando una rete che ha favorito occasioni di incontro  e discussione in siti diversi, a dimostrazione che la lettura può essere di casa ovunque e rappresentare un utile rimedio per superare momenti di difficoltà, come ha spiegato in un incontro il Pronto soccorso letterario, pre­si­dio cul­tura­le in­no­va­ti­vo che sfrut­ta i prin­ci­pi del­la li­bro­te­ra­pia con un ap­proc­cio lu­di­co-ri­crea­ti­vo.

Fonte: Comune di Catania 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*