Cibo scaduto e lavoro nero, denunciato il titolare di un panificio: ‘Pagava una dipendente 1,66 euro l’ora’

Gli agenti dei commissariati Borgo-Ognina e San Cristoforo hanno effettuato dei controlli straordinari nel quartiere di San Cristoforo. Particolare importanza ha assunto il controllo di un panificio/pizzeria ubicato in via della Concordia, dove sono stati trovati lavoratori in nero e tra questi, una donna che lavorava da trenta giorni, senza un regolare contratto di lavoro. La donna ha riferito di lavorare per una somma di 1,66 euro l’ora in quanto separata e con due figlie.

Nel corso della stessa verifica si è accertato l’invasione del suolo pubblico per un totale di 24 metri quadri occupato da pedane in legno contenenti migliaia di bottiglie di birra ed acqua posizionate in modo da non consentirne l’accesso ai pedoni. Il titolare del panificio è stato denunciato per sfruttamento del lavoratore approfittando dello stato di bisogno della donna, ed indagato per invasione di suolo pubblico, con il relativo sequestro della merce. Infine, l’Asp ha rinvenuto molteplici violazioni tra cui la presenza di mozzarelle avente la data di scadenza già superata e la presenza di contenitori non idonei alla conservazione degli alimenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*