Condannato a 5 anni e 6 mesi, il medico per l’omicidio di Luca Olivotto, affetto da un cancro al cervello

Tullio Simoncini, medico radiato dall’ordine professionale, assicurava di sconfiggere il cancro con una terapia a base di semplice bicarbonato. Ieri è stato condannato a 5 anni e 6 mesi per l’accusa di omicidio colposo ed esercizio abusivo della professione. Lo hanno deciso i giudici di Roma che per l’accusa di omicidio colposo hanno condannato a due anni di reclusione anche Roberto Gandini, radiologo e collaboratore di Simoncini.

I due erano stati accusati di avere sottoposto sei anni fa in una clinica di Tirana, Luca Olivotto, 27enne di Catania, affetto da un tumore al cervello, dandogli come cura medica antitumorale bicarbonato di sodio. Luca Olivotto nel 2012 si recò in Albania, dove Simoncini lavorava, per sottoporsi alla cura. Dopo due giorni di somministrazione endoarteriosa il giovane catanese morì in seguito a una gravissima alcalosi metabolica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*