Esplode la protesta delle ausiliarie degli asili nido del Comune: ‘Siamo pronte a rivolgerci alla Procura’

Esplode la protesta delle ausiliarie che lavorano negli asili nido del comune di Catania. Si scalda nuovamente l’area intorno alle lavoratrici delle 9 strutture comunali che stanno protestando per il mancato mantenimento dei posti di lavoro con l’assegnazione dell’appalto alla nuova società ‘Il Glicine’.  Tre anni fa, con 170 bambini, le assistenti erano 98, per poi scendere a 72 unità. Oggi, con il passaggio alla nuova ditta che si è aggiudicata il servizio per 18 mesi, sono invece appena 51 unità. La mancata conferma di 21 ausiliarie, ha indotto il personale alla mobilitazione generale.

‘Abbiamo tenuto numerose riunioni all’ispettorato del lavoro – afferma Giusy Mavilla – l’assessore ci ha detto di stare tranquille ma noi tranquille non stiamo, anche perché il nostro contratto prevede, all’articolo 37, il riassorbimento di tutte le unità’. Le ausiliare lamentano il fatto che la ditta non si sia presentata ai tavoli di lavoro e che le ore assegnate alle lavoratrici traghettate nella nuova azienda siano stabilite senza alcun criterio. Hanno chiesto anche l’intervento del Prefetto, minacciando di portare le carte in Procura.

Una questione che l’assessore al Welfare del comune di Catania, Fortunato Parisi starebbe affrontando.’Stiamo cercando in maniera bonaria di avviare un dialogo con la ditta, che è disponibile, a rivedere le unità’ – afferma il delegato del sindaco Bianco – ma ha chiesto tempo per rendersi conto e fare un’attenta valutazione sul carico di lavoro di ogni singola persona. ‘ Io personalmente – aggiunge – sto facendo tutti i tentativi, anche quello di avviare una riunione in Prefettura, per fare in modo che queste forze siano assorbite in questo caso infatti la clausola 37 non garantisce a differenza dell’appalto sui rifiuti ad esempio il riassorbimento’. Ma, senza risposte certe, la protesta continuerà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*