Gestivano minori stranieri presso una comunità fatiscente e non autorizzata: 3 arresti

Un’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal Gip di Catania nei confronti di tre persone accusate a vario titolo di corruzione e maltrattamenti. Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri di Giarre nei confronti di Giovanni Impellizzeri, classe ’61 nato a Mascali (ai domiciliari per corruzione, falso in atto pubblico e maltrattamenti), Mario Impellizzeri, classe ’88 (ai domiciliari per corruzione e maltrattamenti) e Isabella Vitale, classe ’69 alla quale è stata applicata la misura del divieto di dimora nella provincia di Catania per il reato di maltrattamenti.

I tre gestivano una Comunità per la gestione dei minori stranieri i quali, secondo la tesi della procura, venivano affidati sulla base di accordi corruttivi intrapresi con un dipendente del comune di Catania. La stessa comunità avrebbe agito priva delle necessarie autorizzazioni, mediante strutture fatiscenti.

Indagati, nell’ambito della stessa inchiesta, anche altre 7 persone a piede libero. Si tratta di ex dipendenti dei comuni coinvolti nella gestione dei migranti, mentre una misura interdittiva è stata predisposta nei confronti di un dipendente del comune di Sant’Alfio. Nelle prossime ore saranno meglio definiti i dettagli dell’inchiesta nella consueta conferenza stampa che si svolgerà presso il Tribunale di Catania.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*