Iniziati i lavori sulle case popolari di Librino: il comunicato stampa del Comune

Con un comunicato stampa, l’assessore ai Lavori Pubblici, Michele Giorgianni, ha reso noti quelli che saranno i lavori pubblici che riguarderanno il popolare quartiere di Librino, che sono già iniziati il 31 agosto. Ecco il testo del comunicato:

Sin dalla giornata di ieri, per precisa disposizione dell’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Michele Giorgianni, gli operai della ditta appaltatrice si sono occupati della copertura delle fognature e di tutti gli altri problemi delle case popolari di Librino assegnate qualche giorno fa. L’assessore Giorgianni ha infatti convocato nella mattinata di ieri una riunione con dirigenti e tecnici comunali per cercare di fare il punto della situazione degli alloggi e del loro stato generale. L’assessore ha chiesto con sollecitudine una relazione fotografica per meglio comprendere quello che è successo in maniera da predisporre subito un intervento.
“C’è stato un problema – ha spiegato Giorgianni – in una casa che è stata occupata e disoccupata grazie a noi del Comune e alle Forze dell’ordine per tre volte. C’è stato un problema di un allaccio fognario su cui siamo intervenuti. E poi ci sono alcuni piccoli o medi disguidi (battiscopa, bagni non bloccati adeguatamente, ecc.). La ditta che ha effettuato i lavori sta già provvedendo ad aggiustare questi inconvenienti perché da contratto deve assicurare la garanzia delle case per 10 anni. Il motivo di questi disservizi é che in genere si fa un collaudo rapido così da consegnare le case per evitare che siano occupate e poi si interviene per sistemare se qualcosa non va bene”.
“Purtroppo – conclude Giorgianni – in questo periodo di campagna elettorale per ogni pretesto, da parte di associazioni che sono di fatto promanazioni di personaggi politici con nomi e cognomi, si sollevano polveroni e polemiche ingiustificati. Tutto rischia di essere strumentalizzato ai fini elettorali. In ogni caso i nostri concittadini avevano un problema e noi subito siamo intervenuti per risolverli. Ringraziamo chi ce li ha segnalati”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*