La DDA di Catania arresta due somali: avevano rapito due connazionali per chiedere riscatto

Dopo attente indagini espletate dalla DDA di Catania, sono stati sottoposti a misure detentive due noti pregiudicati somali, Ahmed Osman e Hassan Moulid, accusati di avere sequestrato due persone (due donne connazionali) al fine di richiedere un riscatto ai familiari per la liberazione.

Le vittime del rapimento, una donna somala e la figlia minorenne, erano arrivate a Catania il 14 luglio a bordo di una nave della Guardia Costiera. Dopo avere incontrato uno dei due pregiudicati a Giardini Naxos per ricevere una mano d’aiuto per trasferirsi a Milano, le donne sono state rinchiuse all’interno di un appartamento. Poi, i due aguzzini, hanno contattato la famiglia in Somalia per chiedere mille dollari a titolo di riscatto. Dopo avere incassato 300 euro, le due donne sono state abbandonate presso un terminal degli autobus.

A questo punto, è scattata la denuncia e l’inchiesta della DDA che ha portato all’individuazione dei due colpevoli che si trovavano, al momento dell’arresto, a Piazza Armerina. Entrambi gli aguzzini sono stati condotti presso il carcere di Enna, in attesa di giudizio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*