Parco Gandhi, atto di vandalismo alla statua del filosofo indiano

Il Parco Gandhi, uno dei polmoni verdi catanesi, che sorge nell’omonima piazza a cui si arriva da via Santa Sofia, poco prima di imboccare la circonvallazione è totalmente abbandonato, in balia di vandali e qualche gruppetto di ragazzini che si fanno le canne. Sono queste le parole raccolte da un’anziana signora della zona che insieme al figlio, passa di fronte al parco tutti i giorni per buttare la spazzatura.

L’ultimo atto vandalico in ordine di tempo, ha colpito proprio la statua di Mahatma Gandhi, simbolo del parco, statua donata il 17 ottobre del 1998 alla città di Catania, dal governo indiano. In pochi conoscono la storia che sta dietro l’arrivo di tale monumento, che oggi appare dipinto di rosa e ricoperto, in parte, da disegni fallici. ‘Il parco non è in totale stato di abbandono – precisa il figlio, i cestini della spazzatura vengono svuotati con regolarità e anche l’erba, ogni tanto, viene tagliata come le piante che vengono potate, secondo me dovrebbe esserci più controllo da parte delle forze dell’ordine’. Emanuele Giacalone, presidente della quarta Circoscrizione commenta così: ‘Ormai questa città è sempre più spesso vittima di atti vandalici, spesso i ragazzini rompono le luci tirando le pietre lasciando il parco al buio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*