Prostituzione invece di massaggi, tra le sfruttate anche una donna incinta

arrestato pregiudicato
Una volante della polizia

Nei giorni scorsi, agenti del Commissariato Borgo Ognina, con l’ausilio di personale della Polizia Provinciale, hanno operato una serie di controlli per il contrasto del reato di sfruttamento della prostituzione.

Nel mirino dei poliziotti, ancora una volta, quegli esercizi pubblici che, dietro l’insegna di “centro massaggi”, nascondono, invece, illecite attività. A conferma delle ipotesi investigative degli agenti, la situazione riscontrata in un locale di via Vincenzo Giuffrida, al cui interno è stata accertata in maniera incontrovertibile l’attività di meretricio, i cui proventi erano destinati agli sfruttatori – due persone di cui una con precedenti per reati in materia di stupefacenti – che sono state denunciate per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Inutile dire che gli agenti, all’accesso ai locali, si sono trovati dinnanzi a situazioni che hanno lasciato ben pochi dubbi su quanto accadeva in quei locali, ma la situazione più delicata è stata riscontrata allorquando, tra le “lavoratrici” è stata identificata una donna – asseritamente una studentessa – che, oltre ad essere già madre di un bambino, “esercitava” in avanzato stato di gravidanza, peraltro a rischio.

Il tutto per la misera somma di 10 euro a prestazione, a fronte degli 80 richiesti dagli sfruttatori: da qui l’ulteriore denuncia, scattata nei confronti dei due, per il reato di sfruttamento dello stato di bisogno dei lavoratori.

Il locale e i proventi dell’illecita attività sono stati sequestrati penalmente.

Fonte: Questura di Catania 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*