Pugni e calci alla moglie incinta, poi le spruzza candeggina: arrestato marito violento

L’ennesimo episodio di violenza in famiglia ha portato all’arresto di un 26enne catanese, responsabile di aver procurato lesioni personali aggravata alla propria moglie, incinta di quattro mesi del secondo figlio. Una storia tormentata quella tra i due protagonisti della vicenda che vivono ad Aci Castello. Una relazione caratterizzata da violenti liti, anche per banali motivi che spesso hanno costretto la giovane donna 23enne a rifugiarsi presso la famiglia d’origine per sfuggire dall’ira del compagno violento.

L’altro ieri notte, l’ennesima lite avrebbe potuto avere conseguenze tragiche. Al culmine di un accesso diverbio, l’uomo l’avrebbe picchiata, spruzzandole in faccia della candeggina, alla presenza del piccolo figlio, terrorizzato per la scena alla quale è stato costretto ad assistere. Provvidenziale l’intervento dei vicini di casa che hanno allertato i miltari di pattuglia. I carabinieri, dopo averlo immobilizzato, hanno arrestato l’uomo conducendolo in caserma.

La giovane donna è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Cannizzaro di Catania dove le è stato diagnosticato un ‘trauma cranico non commotivo con ematoma sub galeale frontale e trauma distorsivo cervicale e contusione dorsale’. Le lesioni prodotte dall’ira del marito violento non hanno causato problemi alla gestazione. L’uomo arrestato è stato relegato ai domiciliari, mentre la 23enne è stata dimessa ed accompagnata dai genitori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*