Qualità della vita, su 110 capoluoghi italiani, Catania si piazza al 103mo posto

storia e monnumenti

Non c’è da stare molto allegri, vista l’ultima ricerca sulla qualità della vita delle città italiane, stilata da Italia Oggi e curata dal dipartimento di statistiche economiche dell’università La Sapienza di Roma. La città di Catania si è piazzata in fondo la classifica di vivibilità, gli etnei si trovano al 103esimo posto, perdendo ben dieci posizioni rispetto all’anno precedente. Ultimo posto per Trapani, in testa Bolzano. La città siciliana più vivibile rimane Ragusa che si è piazzata 85esima, seguita da Enna 88esima, Caltanissetta 93ma, Agrigento 97ma, Messina alla centesima posizione e a seguire il capoluogo etneo davanti solo a Siracusa al 105esimo posto, a chiudere, prima dell’ultima classificata, Palermo 106esima.

I criteri di giudizio utilizzati da Italia Oggi per stilare la classifica sono nove: ambiente, criminalità, tenore di vita, disagio sociale e personale, affari e lavoro, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute e tempo libero. Rispetto alla prima classificata, Bolzano, che ha totalizzato 1000,00 punti Catania con 60,86, contro i 167,74 del 2016, ha peggiorato considerevolmente la propria condizione generale di vivibilità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*