San Giovanni Galermo: riconsegnato alla città parcheggio scambiatore

Il sindaco di Catania Enzo Bianco con l’assessore Salvo di Salvo e del presidente della Municipalità Emanuele Giacalone, riconsegnano al quartiere di San Giovanni Galermo il nuovo parcheggio scambiatore da 220 posti

Il sindaco di Catania Enzo Bianco, accompagnato dall’assessore alle Manutenzioni Salvo Di Salvo e del presidente della Municipalità Emanuele Giacalone, ha restituito alla città il parcheggio scambiatore di Largo Abbeveratoio a San Giovanni Galermo, da oltre quindici anni inagibile per mancanza delle condizioni minime di sicurezza. I lavori di ristrutturazione del parcheggio, da 220 posti, erano stati avviati dall’Amministrazione comunale nello scorso mese di luglio. “L’area – ha ricordato Di Salvo – non veniva utilizzata come parcheggio perché era buia, il manto stradale era sconnesso, la vegetazione incolta e un camion per la vendita di panini ne occupava abusivamente un ampio spazio.

Grazie all’intervento delle Manutenzioni comunali in collaborazione con la Multiservizi, siamo riusciti a riconsegnare alla comunità questo parcheggio strategico e importante”. “Voglio ringraziare – ha aggiunto Bianco – chi ha collaborato a questa realizzazione, a partire dall’assessore Di Salvo ma anche dai consiglieri comunali e di Municipalità che hanno avuto la consapevolezza dell’importanza di questo parcheggio per il territorio.

Oggi è operativo, è bene illuminato grazie alla Gemmo, che ha donato l’impianto, ed è sicuro per via delle telecamere di videosorveglianza che vi sono installate”. Il Sindaco ha ricordato come si stia valutando di intensificare i collegamenti, in particolare con la Metropolitana per alleggerire il traffico sulla circonvallazione.“Si potrà – ha detto – lasciare qui l’automobile e, utilizzando il mezzo pubblico, raggiungere in pochi minuti il centro della città”. Con quello di San Giovanni Galermo cresce fino a poco meno di 5.500 il numero dei posti auto disponibili nei parcheggi scambiatori che circondano la città di Catania.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*