Tornano le polemiche per la spiaggia libera n°1 trasformata in una discarica

La spiaggia libera n°1 della Playa di Catania continua a rimanere un letamaio e un ricettacolo di rifiuti nonostante i tantissimi appelli rivolti da utenti e consiglieri di circoscrizione che lamentano la precarietà delle condizioni igieniche di docce e cabine, oltre alla presenza di oggetti ed escrementi in prossimità della spiaggia.

I bagni pubblici continuano a rimanere inavvicinabili per il cattivo odore, mentre gli spogliatoi continuano ad assomigliare a latrine maleodoranti. Una situazione già evidente ad inizio stagione, che si è acuita dopo i fasti di Ferragosto, i falò e i bivacchi tipici di questa parte di stagione. L’inciviltà mista ai ritardi con i quali le istituzioni hanno messo mano al ripristino dell’area frequentatissima dai bagnanti catanesi, hanno reso quasi improba la fruibilità della spiaggia.

L’assenza di bagnini e di un adeguato servizio di vigilanza in grado di dissuadere i bagnanti dal lasciare sulla spiaggia i rifiuti e di fruire nel modo corretto di docce e wc, hanno reso la situazione ancora più critica. Anche la condizione delle rive non sono da meno. Non è raro vedere bastoni, bottiglie di plastica e di vetro, galleggiare copiosamente vicino alla battigia. L’esigenza di un sistema di controllo adeguato che pulisca costantemente la spiaggia, passando al setaccio l’area, è ormai improcrastinabile.

E intanto prosegue il rimpallo delle responsabilità tra istituzioni e ditte appaltatrici. L’assessore D’Agata, in una intervista rilasciata al quotidiano ‘La Sicilia’ ha ribadito che la responsabilità della pulizia di docce, cabine e wc è di competenza della ‘Fraggetta s.a.s‘, operativa dalla scorsa settimana. Istituzioni e bagnanti dovrebbero fare la propria parte per evitare questo scempio che si ripete ogni anno. I primi assicurando i dovuti controlli mediante sistemi di vigilanza appropriati e i secondi raccogliendo i rifiuti prodotti, evitando di trasformare la spiaggia in un immondezzaio che non fa onore alla città di Catania.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*