Torrenti Playa, l’assessore D’Agata parla di inutile allarmismo: ‘Completeremo le fognature’

L’assessore all’Ecologia del Comune di Catania, Rosario D’Agata, ha voluto gettare acqua sul fuoco delle polemiche dopo l’allarme lanciato da più parti relativo all’inquinamento delle acque marine della Playa di Catania dovute allo sversamento di liquami da parte dei torrenti che affluiscono sul mare.

‘E’ paradossale -ha dichiarato l’assessore D’Agata con un lungo comunicato apparso sul sito dell’amministrazione comunale – che l’unica Amministrazione ad aver chiesto e ottenuto una enorme somma, quattrocento milioni di euro, per completare le fognature e il sistema di depurazione di Catania, venga attaccata su questo argomento con inutili campagne d’allarmismo’.

L’assessore all’Ecologia ha già ricordato che la città di Catania ha subito una procedura di infrazione europea per la mancata realizzazione di adeguate fognature, ma che l’amministrazione si è già attivata da tempo per avviare i lavori di completamento della rete fognaria anche al fine di evitare dirette sanzioni ai cittadini catanesi.

D’Agata ha ricordato che l’amministrazione comunale sta ‘approntando i progetti’ per ‘avviare nel più breve tempo possibile tutti i lavori necessari per il completamento della rete fognaria, il potenziamento dell’impianto di depurazione e il riutilizzo delle acque depurate senza più alcuno sbocco diretto nella battigia’.

Una rete fognaria che sarà lunga oltre 600 chilometri e servirà un’area vastissima che comprenderà anche le aree di Acicastello, Sant’Agata Li Battiati, San Gregorio, Gravina, Tremestieri Etneo, San Giovanni La Punta, Aci Catena e Acireale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*