Trapani-Catania 2-0, il derby si tinge di granata, Silvestri e Reginaldo stendono gli etnei

Il derby siculo fra Trapani e Catania termina con una vittoria dei granata di Calori, al terzo successo consecutivo, che si sono imposti sulla squadra etnea per 2-0. Sconfitta pesante per il Catania che contro il Trapani è caduto senza realizzare gol. Un risultato che ferma i rossazzurri a tre punti dalla capolista Lecce e che consente ai granata di agganciare gli etnei al secondo posto e rimanere in scia in classifica. Prova opaca e deludente quella giocata dalla squadra di Lucarelli che ha avuto se non altro il merito di provarci, soprattutto nella ripresa. Diversi gli elementi da promuovere, come il playmaker Ciccio Lodi, un lusso in queste categorie, che si è distinto come il migliore dei rossazzurri.

Pochi dubbi nella scelta del peggiore, se Bogdan spesso è stato un muro, ieri sera è stato davvero irriconoscibile. Magari il cambio di modulo, dal 4-3-3 al 3-5-2, operato da Lucarelli non ha giovato ad una difesa poco registrata. C’è’ da dire che, se l’arbitro avesse dato il rigore su Semenzato, finito a terra dopo un contatto con Rizzo, la gara avrebbe potuto prendere un’altra piega. I granata sono passati in vantaggio grazie al gol di Silvestri al 29esimo, raddoppiando al 42esimo con Reginaldo, mettendo in ghiaccio la gara.

Il tabellino

Trapani (3-5-2): Furlan; Fazio, Silvestri (80’ Legittimo), Visconti; Marras (93’ Bajic), Maracchi, Palumbo (81’ Bastoni), Steffé, Rizzo; Reginaldo, Evacuo (71’ Murano). A disp.: Pacini, Ferrara, Culcasi, Taugourdeau, Bastoni, Canino, Girasole, Murano. All. Calori.

Catania (3-5-2): Pisseri; Aya, Tedeschi, Bogdan; Semenzato (55’ Di Grazia), Caccetta (55’ Russotto), Lodi, Biagianti (76’ Ripa), Marchese; Mazzarani; Curiale. A disp.: Martinez, Esposito, Lovric, Manneh, Bucolo, Fornito, Zè Turbo, Rossetti. All. Lucarelli.

Marcatori: 29’ Silvestri, 42’ Reginaldo.

Arbitro: Prontera di Bologna (Marchi-Saccenti)

Note: Ammoniti: Rizzo, Bastoni (T) Curiale, Marchese (C)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*